Radon
Effetti sulla salute

 

La causa principale della concentrazione del Radon all’interno degli edifici è il gas liberato dal sottosuolo. Una volta all’interno del fabbricato, il Radon viene respirato insieme all’aria creando seri danni al sistema respiratorio. Infatti, nella fase di decadimento tale gas rilascia particelle alfa (nuclei di elio costituiti da due protoni e due neutroni) che possono provocare danni fisici e chimici al DNA delle cellule dell’epitelio polmonare. Dal decadimento del Radon (Serie di decadimento dell’uranio 238 >>) vengono poi a formarsi una serie di particelle solide radioattive che si accumulano nei polmoni sotto forma

Gli effetti del Radon sulla salute

di elementi pesanti che continuano ad emettere radioattività e a danneggiare l’epitelio polmonare. L’accumulo dei danni al DNA può concretamente determinare l’insorgenza del cancro. Considerato la seconda causa di tumore al polmone dopo il tabacco, il Radon rappresenta un fattore di rischio rilevante per circa 1 milione di edifici in tutta Italia. Sul territorio nazionale, si stima che circa il 10%-30% dei carcinomi polmonari sia imputabile al Radon. Accertata la presenza del gas nell’edificio tramite l’ausilio di un esperto, l’esposizione al gas va quindi ridotta urgentemente utilizzando sistemi di bonifica che, se ben progettati, risultano generalmente semplici e poco costosi.